Chiudere Menu
Notizie

L'amministratore delegato di Carlsberg: La Russia ci ha rubato il business

L'amministratore delegato di Carlsberg ha dichiarato che il produttore di birra non entrerà in trattative con lo Stato russo per quanto riguarda le sue precedenti attività nel Paese. 

(Immagine: Jacob Aarup-Andersen, CEO di Carlsberg)

I commenti di Jacob Aarup-Andersen sono stati espressi nel corso di una telefonata con i giornalisti che ha fatto seguito all'aggiornamento commerciale trimestrale di ieri, in cui è stata evidenziata la crescita in un "ambiente difficile".

L'azienda ha tentato di scaricare la sua filiale Baltika dopo la guerra in Ucraina dello scorso anno, quando un esodo di altre aziende occidentali ha lasciato la Russia.

L'azienda ha trovato un acquirente per l'attività nel giugno di quest'anno e ha annunciato formalmente i suoi piani, sottolineando che dovevano essere presi in considerazione 150 flussi di lavoro e investimenti per 150 milioni di corone danesi (17,3 milioni di sterline) in attrezzature per la produzione di birra.

L'amministratore delegato del Gruppo, Cees 't Hart, ha dichiarato all'epoca che la vendita è stata "un processo lungo", dopo le critiche sul tempo impiegato per la vendita del ramo russo, ma ha detto che era "importante per noi raggiungere la migliore soluzione possibile per tutte le parti interessate, compresi i nostri oltre 8.000 dipendenti in Russia".

Il gruppo aveva bisogno dell'approvazione della Commissione governativa russa, ma a luglio lo Stato ha preso il controllo delle azioni del birrificio locale di proprietà di Carlsberg e delle attività del produttore alimentare Danone.

contenuti sponsorizzati db

Una grande storia

Quali sono le storie di successo reali che migliorano il processo di produzione delle bevande?

Pall Corporation ha raccolto una serie di storie di successo che illustrano come l'utilizzo delle sue soluzioni di filtrazione di profondità possa funzionare. db rivela tutto.
Per saperne di più...

Visualizza le soluzioni Pall qui

In un comunicato dell'epoca, Carlsberg ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna "informazione ufficiale dalle autorità russe in merito al decreto presidenziale o alle conseguenze per Baltika Breweries".

Il nuovo CEO Aarup-Andersen ha ora parlato della situazione, affermando durante la telefonata: "Non c'è modo di aggirare il fatto che ci hanno rubato l'attività in Russia, e non li aiuteremo a farlo sembrare legittimo".

Ha dichiarato che da luglio ci sono state solo interazioni limitate con il management di Baltic e con le autorità russe, e che di conseguenza è stato preso un colpo da 9,9 miliardi di corone danesi (1,61 miliardi di sterline).

Ha proseguito: "Non entreremo in una transazione con il governo russo che in qualche modo giustifichi il fatto che si impossessino illegalmente della nostra attività".

Il produttore di birra ha posto fine agli accordi di licenza per i suoi marchi in Russia per vendere i prodotti Carlsberg attraverso l'attività di Baltika, anche se Aarup-Andersen ha ammesso di "non poter garantire" che il birrificio russo produrrà prodotti Carlsberg. Ma ha detto che "questa è la nostra aspettativa".

Il ministero delle Finanze russo ha dichiarato che l'agenzia federale per le proprietà immobiliari Rosimushchestvo è stata nominata gestore temporaneo, anche se in un comunicato ha affermato che "non comporta un cambiamento nella struttura proprietaria".

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No