Chiudere Menu
Notizie

La comunità si unisce per cercare di salvare la Anchor Brewing

La comunità della birra artigianale e le imprese locali di San Francisco stanno cercando di unirsi per salvare Anchor Brewing dalla liquidazione.

(Immagine: Mike Walsh/RaiseTheAnchor.com)

Mike Walsh, un investitore finanziario seriale in più di 200 aziende, che vive proprio dietro l'angolo di Anchor, vuole acquistare l'azienda, affermando addirittura che avrebbe cercato di acquistarla in precedenza se avesse saputo che era in vendita.

Secondo il San Francisco Chronicle, Walsh ha contattato potenziali investitori e ha dichiarato che quasi 30 sarebbero interessati a unirsi a lui per presentare un'offerta.

Ha dichiarato al giornale: "Ho sicuramente un interesse e un accesso al capitale sufficienti per presentare un'offerta competitiva in modo da poterla acquistare".

"È stato piuttosto emozionante. E anche piuttosto emozionante. Non mi aspettavo di ricevere questa ondata di interesse e di emozioni da parte di molte persone".

Come parte della mossa, Walsh ha lanciato un sito web chiamato Raising the Anchor per coloro che desiderano saperne di più sull'opportunità di investimento. Inoltre, si è messo in contatto con la Narragansett Brewery, che ha già lanciato una petizione su change.org per salvare il birrificio.

contenuti sponsorizzati db

Una grande storia

Quali sono le storie di successo reali che migliorano il processo di produzione delle bevande?

Pall Corporation ha raccolto una serie di storie di successo che illustrano come l'utilizzo delle sue soluzioni di filtrazione di profondità possa funzionare. db rivela tutto.
Per saperne di più...

Visualizza le soluzioni Pall qui

Il presidente di Narragansett, Mark Hellendrung, ha lanciato la petizione per cercare di riunire la comunità della birra e fare "spalla a spalla" per salvare Anchor, in modo simile a come la stessa Narragansett, fondata nel 1890, fu salvata nel 2005, quando ci fu un'acquisizione da parte di Pabst Brewery.

Walsh ha anche detto che prenderebbe in considerazione la possibilità di lanciare un'opzione di crowdfunding per il birrificio, che consentirebbe agli appassionati di Anchor e di birra artigianale di investire a un prezzo di ingresso basso, come 1.000 dollari. Walsh ritiene inoltre che sia importante che l'azienda, se dovesse essere salvata, torni alle sue radici e si concentri sul suo portafoglio classico di Anchor Steam, Liberty Ale e Christmas Ale.

La chiusura dello storico birrificio Anchor è stata decisa dal gigante giapponese Sapporo, che ha acquistato il birrificio per 85 milioni di dollari nel 2017. Il birrificio ha dato al personale un preavviso di 60 giorni e venderà le scorte esistenti, compresa la birra di Natale 2023, nella sua taproom. Le operazioni di produzione della birra sono già state interrotte, ma il confezionamento e la distribuzione continueranno fino alla fine di luglio, mentre l'azienda sarà sottoposta a liquidazione.

L'azienda ha anche ammesso che, pur non avendo avuto successo nell'ultimo anno nel trovare un acquirente, potrebbe essere rilevata durante il processo di liquidazione.

Parlando della notizia della chiusura, lo scrittore di birra Stephen Beaumont ha commentato sui social media: "Non c'è, o non dovrebbe esserci, un solo appassionato di birra artigianale in Nord America per il quale questa notizia non sia un pugno nello stomaco. Io e molti altri abbiamo scritto ampiamente e ripetutamente di come la Anchor Brewing Company di Fritz Maytag sia stata il catalizzatore dello sviluppo della "birra artigianale" in questo continente, e ho parlato con innumerevoli fondatori di birrifici per i quali Anchor è stata un'ispirazione.

"Ci sarebbe oggi la produzione di birra artigianale senza Anchor? Probabilmente sì, credo che fosse inevitabile visti i tempi. Ma avrebbe assunto la stessa forma che ha oggi? Quasi certamente no".

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No