Chiudere Menu
Notizie

Bordeaux 2022 per denominazione: St Estèphe, dove la tipicità del terroir la fa da padrona

Nel terzo dei miei profili di denominazione passo alla riva sinistra. Ho l'abitudine di iniziare le mie relazioni sul Médoc a sud, con Margaux, prima di procedere verso nord. Ma quest'anno, con un paio di campioni di Margaux tardivi ancora da assaggiare, inizierò dal nord con St Estèphe prima di seguire la Gironda verso sud.
Saint Estephe, Gironda, Francia - 01 novembre 2017 : Chateau Cos d'Estournel nella regione vinicola di Bordeaux e i vigneti in autunno.

La prima cosa da sottolineare è che questa non è più un'annata di destra che di sinistra. Si possono trovare vini favolosi su entrambe le sponde, anche se ci sono differenze significative nel modo in cui sono state vissute le sfide meteorologiche dell'annata.

La tabella 1 ne dà un'idea chiara. Essa mostra che le denominazioni della riva sinistra hanno ricevuto una quantità di precipitazioni significativamente inferiore nei mesi invernali precedenti il germogliamento, mentre hanno sperimentato essenzialmente le stesse intense condizioni di siccità tra la vendemmia e la raccolta.

 

Pre-budburst

(novembre-marzo)

Spedizione alla raccolta

(agosto-ottobre)

Totale
Margaux 381 (-22.8%) 58.5 (-53.0%) 802 (-12.3%)
St Julien 364 (-25.0%) 61.3 (-47.7%) 780 (-12.2%)
Pauillac 364 (-25.0%) 61.3 (-47.7%) 780 (-12.2%)
St Estèphe 415 (-14.6%) 74.4 (-40.3%) 889 (-1.1%)
Pessac-Léognan 445 (-8.4%) 57.7 (-50.7%) 764 (-14.6%)
St Emilion 558 (+14.8%) 67.7 (-44.0%) 886 (-1.9%)
Pomerol 541 (+9.7%) 51.2 (-57.5%) 871 (-3.9%)

Tabella 1: Precipitazioni durante l'annata (mm, rispetto alla media decennale)

Fonte: calcolo effettuato a partire dal rapporto sulla vendemmia di Bordeaux 2022 di Saturnalia.

Non sorprende quindi che, come mostra la Tabella 2, le rese medie dei vigneti siano state duramente colpite in tutto il Médoc.

 

2018 2019 2020 2021 2022 Media decennale Rispetto alla media decennale (variazione %)
Margaux 37.4 49.2 36.3 38.6 31.3 39.7 -21.2
St Julien 42.6 45.5 34.3 35.2 34.3 40.1 -14.5
Pauillac 38.5 46.7 37.4 35.1 34.8 39.7 -12.3
St Estèphe 44.6 49.7 41.2 40.7 31.5 43.4 -27.4
Pessac-Léognan 36.9 47.2 34.6 30.7 35.7 38.5 -7.3
St Emilion (GC) 39.7 43.0 36.7 27.5 41.2 37.2 +10.7
Pomerol 36.2 43.0 39.8 28.9 32.3 36.1 -10.5

Tabella 2: Resa media dei vigneti per denominazione (hl/ha)

Fonte: calcolo su dati doganali elaborati dal CIVB Service Economie et Etudes

Il 2022 è stato più vicino al disastro nel Médoc che sulla riva destra. È stata salvata da una combinazione di fattori: il reintegro delle falde acquifere nell'annata 2021, relativamente umida; la pioggia sufficiente in inverno (soprattutto nel dicembre 2021); e la tempestività delle poche piogge cadute durante la stagione di crescita e maturazione (soprattutto in aprile e giugno). In assenza di uno di questi fattori, le cose sarebbero andate molto diversamente.

Fondamentale è stato anche l'inizio precoce delle condizioni di siccità. Questo ha incoraggiato le viti, in effetti, a razionare se stesse. Hanno cercato precocemente l'acqua dal basso (invece di estendere il loro sistema di radici vicino alla superficie) e hanno costruito chiome più piccole (limitando la traspirazione). Il risultato è stato un piccolo raccolto di uve piccole ma altamente concentrate.

La tabella 2 mostra anche una notevole variazione tra le varie denominazioni. Nel Médoc, Pauillac e St Julien sono andati meglio, mentre Margaux e St Estèphe sono andati peggio.

A St Estèphe, dove le rese dei vigneti sono state inferiori a tre quarti della media decennale, ciò è stato in gran parte dovuto a un fattore specifico che non abbiamo ancora considerato: i danni da grandine. Un'impennata delle temperature per tre giorni a metà giugno, culminata con temperature di 40°C in tutta la regione il18 giugno, ha portato a episodi di grandine gravi ma molto localizzati il20 giugno in due corridoi. A nord, una tempesta in rapido movimento ha devastato parti del Médoc settentrionale, causando danni significativi in alcuni vigneti di St Estèphe. A sud, una seconda tempesta itinerante ha colpito il Médoc meridionale (tra Macao e la città di Bordeaux).

Molti vigneti hanno sofferto molto: Phélan-Ségur, ad esempio, ha perso quasi un terzo del raccolto (soprattutto gran parte del Cabernet Sauvignon) a causa della grandine.

 

Ma questo non le ha impedito di produrre probabilmente il suo miglior vino di sempre. Infatti, sebbene le condizioni meteorologiche durante tutta la stagione di crescita siano state difficili e abbiano posto sfide complesse alle viti, alla fine nessuna di queste è andata a scapito della qualità.

Si tratta quindi di un'annata St Estèphe molto forte nel contesto di un'annata Médoc non meno forte. Mi fa particolarmente piacere che questi vini, nonostante il caldo intenso e le incessanti condizioni di siccità durante tutto l'anno, abbiano il sapore del luogo da cui provengono. Praticamente nessuno dei vini della denominazione che ho assaggiato avrebbe potuto essere facilmente scambiato, se degustato alla cieca, come proveniente dall'altra parte del confine della denominazione, a Pauillac o più a sud.

Questo è un trionfo. È un prodotto dell'evoluzione della filosofia enologica della regione - il ritorno al terroir inaugurato dal "nuovo classicismo" bordolese. Ma è anche il prodotto del carattere minuscolo e altamente concentrato delle uve che hanno dovuto cercare e attingere l'acqua dal basso. Ciò ha semplicemente conferito maggiore mineralità e identità ai vini, a maggior ragione se si considera l'elevato rapporto tra materia fisica (bucce e vinaccioli) e succo.

In breve, la 2022 si è rivelata un'annata di valorizzazione del terroir e io sono felice di celebrarla. La tipicità della denominazione è elevata e le parole "molto St Estèphe" o il loro equivalente comparivano molto spesso nelle mie note di degustazione (spesso frettolosamente scarabocchiate). Nelle versioni finali modificate che seguono compaiono un po' meno, ma il senso rimane lo stesso.

In termini di composizione del blend, il 2022 è anche una sorta di ritorno alla normalità, per quanto possa sembrare strano nel contesto degli eccessi meteorologici della stagione di crescita.

Nel 2021, come mostra chiaramente la Tabella 3, molti vigneti hanno ridotto la percentuale di Merlot nell'assemblaggio finale, poiché molti di essi non erano ancora completamente maturi. Montrose ha fatto eccezione.

Nel 2022 torna il Merlot.

Il vino % Merlot % Cabernet Sauvignon
2020 2021 2022 2020 2021 2022
Calon Ségur 12 7 24 78 81 70
Cos d'Estournel 38 30 37 62 64 61
Lafon Rochet 33 26 31 61 69 65
Montrose 23 31 25 71 62 66
Phélan-Ségur 42 21 56 54 75 40

Tabella 3: Percentuale di Merlot e Cabernet Sauvignon nel Grand Vin, 2020-22

Scelte principali

I vini che ne derivano sono favolosi e molto costanti al massimo livello.

Il Montrose rimane, per me, una classe a parte - davvero ora sta spingendo i primi crescite in termini di qualità sostenuta, annata dopo annata. È ancora una volta il vino della denominazione e la qualità dei suoi tannini lo contraddistingue.

Ma anche Cos d'Estournel ha prodotto un vino splendido, pieno di fascino, astuzia e personalità e, soprattutto, pieno di energia, freschezza e dinamismo. Nelle ultime annate sembra aver inventato per sé uno stile nuovo e distinto e questo è per me il culmine di questa raffinatezza.

Calon-Ségur e Phélan-Ségur sono entrambi vini meravigliosi in questa annata - quest'ultimo è di gran lunga il miglior vino en primeur che abbia mai assaggiato dalla proprietà. Il suo assemblaggio è, ovviamente, insolito. Ma se c'è mai stata un'annata in cui aumentare la percentuale di Merlot è sicuramente la 2022.

AncheLafon Rochet, con questa annata, sembra aver affinato il suo stile, raggiungendo un livello di eleganza e finezza raggiunto forse preziosamente solo nel 2020.

Inoltre, cosa fondamentale, St Estèphe offre oggi un favoloso rapporto qualità-prezzo. È difficile pensare a vini in tutto il mondo in grado di eguagliare il rapporto qualità-prezzo di uno dei seguenti: Tronquoy, Meyney, de Pez, Lilian Ladouys e Le Crock. Una menzione speciale va anche a due vini favolosi: Dame de Montrose e Frank Phélan su tutti.

Punti salienti nel 2022

Vino della denominazione:

  • Montrose (97-99)

Veramente grande:

  • Cos d'Estournel (96-98)
  • Calon-Ségur (94-96)
  • Phélan-Ségur (94-96)

Scelte di valore:

  • Lafon Rochet (93-95)
  • Meyney (93-95)
  • De Pez (92-94+)
  • Tronquoy (92-94+)
  • Le Crock (92-94)
  • Lilian Ladouys (92-94)

Per le note di degustazione complete, cliccare qui.

Cliccare sul link per ilrapporto sull'annata 2022 en primeur di db , insieme alle recensioni per ogni singola denominazione (link aggiornati man mano che sono disponibili) su Margaux, St Julien, Pessac-Leognan e Graves rouge e blanc, St Estèphe e Haut-Medoc, Pauillac, Pomerol, Saint-Émilion e Sauternes.

Per saperne di più:

Bordeaux 2022: una maestosità miracolosa (thedrinksbusiness.com)

Rapporto sull'annata Bordeaux 2022: Le domande che devono ancora trovare risposta (thedrinksbusiness.com)

Rapporto sull'annata 2022 di Bordeaux: Misteriosa maestosità forgiata dall'enigma dell'eccesso climatico (thedrinksbusiness.com)

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No