Chiudere Menu
Notizie

Why Adnams’ next steps for funding are crucial for its survival

Lo storico birrificio britannico Adnams ha gettato nel panico l'industria dopo la notizia di aver chiesto consiglio ai consulenti per raccogliere nuovi fondi. db scopre cosa sta realmente accadendo.

Adnams ha rivelato in alcuni rapporti di essere al lavoro con Alvarez & Marsal (A&M) su una serie di opzioni per sostenere le proprie finanze. Le voci, che sono state diffuse, suggeriscono che un'iniezione di capitale privato da parte di un investitore potrebbe essere in programma, potenzialmente insieme alla vendita di alcuni dei beni liberi di Adnamsdalla sua proprietà di pub.

Secondo le fonti, l'obiettivo era quello di raccogliere capitali per pagare il debito bancario e sostenere la crescita futura, tuttavia è emersa la conferma che l'azienda ha un estremo bisogno di fondi. Quando è stato chiesto se Adnams cercherà di cedere alcuni dei suoi pub per liberare liquidità, un portavoce del birrificio ha dichiarato a the drinks business: "Stiamo valutando una serie di opzioni, ma non è stata presa alcuna decisione".

Dopo le speculazioni secondo le quali Breal Group e altre società di private equity starebbero attualmente cercando di aggiudicarsi le attività, il portavoce di Adnams ha dichiarato a db che "qualsiasi discussione di questo tipo sarebbe confidenziale e quindi non saremmo in grado di commentare".

Il gruppo Breal è intervenuto per acquistare Black Sheep lo scorso maggio, dopo la notizia che il birrificio con sede nel North Yorkshire stava entrando in amministrazione controllata a causa "della pandemia e dell'improvviso aumento di tutti i costi". La società di private equity, che ha acquistato anche altri birrifici britannici in difficoltà, tra cui Brew By Numbers (BBNo) e Brick Brewery, con sede a Londra, e Purity Brewing Co, con sede nel Warwickshire, era anche in procinto di acquisire North Brewing, prima che l'azienda fosse salvata dal fondatore di Kirkstall Steve Holt.

Gli ultimi sviluppi del Breal Group, tuttavia, hanno dimostrato che la via del private equity può portare alla disgregazione dei birrifici: sia Brick che BBNo hanno perso il personale e i siti di produzione della birra, che è stata consolidata nello Yorkshire presso il sito di Masham di Black Sheep.

Il portavoce ha dichiarato a db che, per rassicurare il settore, l'azienda ha voluto far sapere che "la priorità diAdnamscome azienda è quella di rimanere fedele ai suoi valori di qualità, innovazione e sostenibilità, oltre a servire e sostenere i suoi clienti e colleghi". Una missiva simile è stata pronunciata da Ian e Sally Stewart della Brick Brewery, che l'estate scorsa hanno rassicurato che "continueranno a garantire che la forte etica e i valori dell'azienda siano preservati" prima che si sapesse che il birrificio sarebbe stato chiuso dai suoi acquirenti privati.

Adnams, fondata nel 1890, mantiene la famiglia fondatrice come maggiore azionista della società, con il Dr. Adnams, presidente dell'azienda, che detiene una quota del 20%. L'azienda, ora gestita da Andy Wood, che vi è entrato a metà degli anni Novanta e ne è diventato amministratore delegato nel 2010, annovera tra i suoi membri del consiglio di amministrazione anche il veterano del marketing Steven Sharp e l'ex capo di Enterprise Inns Simon Townsend, mentre l'alto dirigente di Marks & Spencer Sacha Berendji è anche un amministratore non esecutivo.

Adnams è famosa soprattutto per le sue birre come: Broadside, Kobold lager e Blackshore stout, ma senza garanzie sul suo futuro questi marchi potrebbero essere in pericolo.

Parlando con db della situazione, un portavoce del birrificio ha spiegato: "Come molti operatori del settore alberghiero e della produzione di birra, Adnams ha subito una significativa pressione inflazionistica sui costi del lavoro, dell'energia, delle materie prime e dei prestiti. Parallelamente, abbiamo assistito a un indebolimento della domanda complessiva dei consumatori, in quanto le famiglie sono sottoposte alle stesse pressioni finanziarie. Abbiamo continuato a concentrarci sulla gestione dei costi e del flusso di cassa attraverso una serie di iniziative, concentrandoci al contempo su una serie di opportunità di crescita all'interno della nostra attività e dei nostri mercati. Siamo incoraggiati dal miglioramento delle condizioni commerciali all'inizio del 2024 e siamo fiduciosi che le misure che stiamo adottando porteranno a una maggiore crescita delle vendite e al ripristino di una redditività più solida nel lungo termine".

Il presidente di Adnams, Jonathan Adnams, ha ammesso in un rapporto che le continue pressioni inflazionistiche hanno avuto un effetto negativo sulla domanda dei consumatori. Parlando agli investitori, ha inoltre sottolineato che la riduzione del numero di pub in Gran Bretagna e il calo del 25% delle dimensioni del mercato della birra in barile dal 2019 non hanno aiutato l'azienda.

Secondo quanto riportato, le perdite operative nella prima metà dell'anno finanziario sono aumentate a 2,4 milioni di sterline a fronte di un fatturato piatto di circa 30 milioni di sterline; tuttavia, un portavoce del gruppo di birrerie e pub del Suffolk ha rassicurato il db che "non sono previsti licenziamenti", ma ha comunque avvertito che ciò non significa che l'azienda non abbia problemi e ha affermato che "come ogni azienda, teniamo le nostre operazioni sotto costante controllo".

Nonostante queste dichiarazioni, Adnams non ha ancora rivelato come finanzierà i prossimi passi dell'azienda e quale forma potranno assumere, limitandosi a dire: "Stiamo esplorando i modi per sostenere la nostra crescita futura e fornire ulteriore resilienza".

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No