Chiudere Menu
Notizie

Aumento del prezzo minimo unitario: impatto sul commercio interno ed esterno della Scozia

Giovedì il governo scozzese ha annunciato la proposta di aumentare il prezzo minimo unitario (MUP) degli alcolici da 50 a 65 pence. Quali effetti avrà questa proposta sui rivenditori di alcolici, sui pub e sui bar in Scozia?

Aumento del prezzo minimo unitario: impatto sul commercio interno ed esterno della Scozia

L'aumento equivale a un incremento del 30% del MUP, il primo da quando la politica è stata introdotta nel 2018. I ministri avevano annunciato la proposta per la prima volta nel settembre 2023.

Prima della sua introduzione, il sidro con un ABV del 7,5% poteva essere venduto in Scozia ad appena 1,99 sterline. Ma in seguito alla modifica della legislazione, non potrà più essere venduto a meno di 7,50 sterline. L'intento è quello di combattere il consumo problematico e la dipendenza da alcol eliminando dagli scaffali della grande distribuzione gli alcolici estremamente economici.

La politica è sempre stata accolta con un certo scetticismo, che ora si riflette nella risposta all'aumento del MUP.

Christopher Snowdon, responsabile dell'economia degli stili di vita presso l'Institute of Economic Affairs, ha dichiarato: "Con i decessi dovuti all'abuso di alcol al massimo da 14 anni a questa parte, è ovvio che il prezzo minimo non è una politica basata sull'evidenza".

Ha affermato che la valutazione ufficiale "ha dimostrato in modo schiacciante che la politica è fallita", ma ha sostenuto che si tratta di un progetto che il governo scozzese ha "sempre voluto portare avanti, costi quel che costi".

La proposta, annunciata giovedì, sarà ora sottoposta all'approvazione del Parlamento scozzese. Se accettata, entrerebbe in vigore dal 30 settembre 2024.

L'aumento di 65 penny significherà che il prezzo più basso per una bottiglia di vino passerà da 4,88 a 6,34 sterline.

L'associazione di categoria Campaign for Real Ale(CAMRA) ritiene che politiche come il MUP possano incoraggiare un maggior numero di persone a bere nei pub, invece di consumare a casa gli alcolici più economici dei supermercati.

Tuttavia, in una dichiarazione rilasciata in risposta all'annuncio, CAMRA ha affermato di temere che l'aumento del MUP non sia sufficiente, da solo, a incoraggiare le persone a frequentare i pub. L'organizzazione chiede al governo scozzese di presentare un piano d'azione per "salvare i pub della nazione" in risposta alla proposta, per "salvaguardare il futuro di centinaia di locali della comunità a rischio di chiusura permanente a causa di tariffe commerciali esorbitanti e di un possibile ritorno dei piani del governo scozzese per vietare la pubblicità degli alcolici".

Non tutte le associazioni di categoria si sono espresse positivamente sul fatto che l'aumento del MUP possa allontanare i consumatori dagli spazi commerciali.

La Federazione dei dettaglianti indipendenti (Fed) ha avvertito che l'aumento del prezzo minimo degli alcolici venduti nei negozi scozzesi non fermerà il consumo problematico di alcol, ma potrebbe esporre i dettaglianti a ulteriori rischi di criminalità al dettaglio.

Mo Razzaq, vicepresidente nazionale della Fed, ha chiesto di intensificare le "campagne altamente efficaci per contribuire a cambiare l'atteggiamento della Scozia nei confronti del bere". Ha criticato la nuova proposta del MUP, affermando che si tratta di un mezzo per "scaricare le responsabilità sulle imprese" piuttosto che affrontare di petto la dipendenza dall'alcol.

Ha sostenuto che l'aumento dei prezzi non avrebbe affrontato il problema del consumo di alcolici, affermando che "chiunque abbia problemi di abuso di alcol ruba il prodotto se non può permetterselo, poiché si tratta di una dipendenza".

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No