Chiudere Menu
Notizie

L'ascesa e la crescita dello Champagne Jacquesson

Negli ultimi anni la popolarità degli champagne di produzione è cresciuta, e lo Champagne Jacquesson, ora di proprietà del miliardario francese François Pinault, è in testa alla classifica. 

Negli ultimi due anni, i produttori di Champagne hanno registrato un successo da record, spedendo più di 320 milioni di bottiglie nel 2022 e superando per la prima volta la soglia dei 6 miliardi di euro di fatturato. Di conseguenza, la regione è diventata sempre più importante nelle aste di iDealwine, dove si è piazzata al quarto posto in termini di valore (+122%) e al quinto in termini di volume (+55%) nel 2022.

Questo recente trionfo è legato al successo generale degli Champagne Grower. Mentre molte case di Champagne si riforniscono di uve da decine di vigneti al di fuori delle loro proprietà, gli Champagne Grower sono prodotti utilizzando quasi esclusivamente uve di proprietà (con un piccolo margine del 5% per le uve non di proprietà). Sebbene rappresentino solo una piccola percentuale della produzione della regione, gli Champagne Grower stanno rapidamente diventando sempre più popolari.

Gli appassionati di champagne hanno imparato ad apprezzare ciò che considerano una finestra sulle sfumature distinte di ogni terroir e annata, cosa che di solito non è comune nella produzione di champagne non millesimati. Al contrario, i rigorosi metodi di produzione e l'approccio multi-vitigno comune a molte bottiglie di Champagne non millesimate tendono a garantire un livello di coerenza più elevato. Questa coerenza viene spesso definita "stile della casa".

Nelle aste iDealwine del 2022, la crescente popolarità degli Champagne Grower è stata evidente, in quanto hanno rappresentato sette dei 20 produttori più venduti. Al 15° posto di questa classifica si trova Jacquesson, un produttore emblematico di Champagne Grower, il cui nome è comparso sul fronte di ben 156 bottiglie nel 2022, per un valore totale di oltre 24.000 euro.

Il nome Jacquesson porta con sé una storia ricca e interessante che abbraccia due secoli. Creata nel 1798, la famiglia Jacquesson si è fatta conoscere nella prima metà del XIX secolo grazie a due eventi importanti. Il primo fu una medaglia d'oro assegnata da Napoleone Bonaparte, per il quale si diceva che Jacquesson fosse il suo Champagne preferito. Il secondo fu l'invenzione di quella che è forse una delle più trascurate perle di ingegneria nella storia del vino: il muselet. Si tratta della piccola gabbia cablata che circonda i tappi delle bottiglie di spumante in tutto il mondo. Questo pezzo di ingegneria universalmente riconoscibile fu creato nel 1844 da Adolphe Jacquesson.

Durante la guida di Adolphe, il volume di produzione di Jacquesson superò il milione di bottiglie all'anno. Tuttavia, dopo la sua morte nel 1876, l'azienda entrò in un lungo periodo di declino percepito, cambiando più volte proprietà fino all'acquisto da parte di Jean Chiquet nel 1974.

Dal 1990 al 2022, Jacquesson è stata gestita dai figli di Chiquet, Jean Hervé e Laurent, che hanno introdotto molti cambiamenti importanti. Tra questi, l'introduzione dell'agricoltura biologica, la fermentazione in botti di rovere e una produzione volontariamente limitata.

PASSIONE IMPAREGGIABILE

Infine, nel dicembre 2022 la proprietà è stata acquistata da François Pinault. Pinault conta ora Jacquesson tra la sua impressionante collezione di etichette, che si uniscono per formare Artémis Domaines. L'amministratore delegato del gruppo, Frédéric Engerer, ha uno stile di leadership pratico e comprovato e una passione impareggiabile per il vino. È famoso per il suo lavoro a Château Latour, dove ha ricoperto contemporaneamente il ruolo di direttore generale e di cantiniere.

Oggi, il pane quotidiano di Jacquesson è rappresentato dalla serie di cuvée 700. Nella speranza di ottenere la massima distinzione e originalità possibile, ogni cuvée della serie 700 si concentra su un'annata, con piccole quantità di vino di riserva mescolate. Le uve provengono esclusivamente da cinque cru classificati, tra cui i Grands Crus Avize, Oiry e Aÿ, e i Premier Crus Dizy e Hautvillers. L'assemblaggio è costituito principalmente da Chardonnay e Pinot Noir, con piccole quantità di Pinot Meunier.

Da quando la cuvée originale 728 è stata introdotta nel 2000, ogni anno successivo è stato caratterizzato da una nuova aggiunta alla serie. Nelle aste iDealwine del 2022, la bottiglia media della serie 700 è stata venduta a 82,70 euro. La bottiglia più costosa è stata la Cuvée 736 Dégorgement Tardif Extra Brut, basata sull'annata 2017, venduta a 163,30 euro per bottiglia (da un lotto comprendente tre bottiglie).

Sebbene la serie 700 rappresenti una cuvée primaria unica per Jacquesson, in genere non costituisce il vino più costoso del produttore all'asta. Al contrario, i primi posti sono solitamente occupati da champagne di annate mature specifiche per ogni parcella. Nel 2022, le tre bottiglie di Jacquesson più costose vendute nelle aste di iDealwine sono state: una Magnum Aÿ Vauzelle Terme del 2002 (403 euro se scalata a 750 ml), un Avize DT del 1989 (396,80 euro) e un Avize DT del 1990 (372 euro). Allo stesso modo, la bottiglia di Jacquesson più cara venduta finora nel 2023 è un Aÿ Vauzelle Terme del 2002, venduto su iDealwine a gennaio per 347 euro.

In qualità di emblematico Champagne Grower, il curriculum di Jacquesson presenta un mix unico di innovazione recente e prestigio storico. L'azienda ha dimostrato un'ammirevole volontà di riesaminare i propri metodi di produzione, sempre alla ricerca della perfetta rappresentazione del terroir. L'acquisizione da parte di Pinault la aiuterà a continuare questa ricerca della perfezione, in vigna e in cantina. Tuttavia, bisognerà considerare anche l'aumento dei prezzi che ne deriverà. Per quanto riguarda il futuro dello Champagne Grower nel suo complesso, con un inizio forte fino al 2023 e con produttori di livello mondiale come Jacquesson al timone, le prospettive sembrano certamente rosee.

aggiornamento delle aste - in associazione con

Informazioni su iDealwine.com

- Fondata nel 2000, iDealwine è la prima casa d'aste di vini in Francia e la principale casa d'aste di vini online a livello mondiale.

- Fine Spirits Auction (FSA) è la piattaforma dedicata agli alcolici di iDealwine, lanciata in collaborazione con La Maison du Whisky, specialista francese di alcolici di alta gamma dal 1956. Ogni anno si svolgono sette aste dei migliori whisky, rum, cognac e altro ancora.

- Con sede a Parigi e uffici a Bordeaux e Hong Kong, iDealwine si procura bottiglie rare da cantine europee, collezioni private e direttamente dai produttori, prima di autenticarle meticolosamente e spedirle ad appassionati, collezionisti e clienti commerciali di tutto il mondo.

- iDealwine fornisce dati e analisi del mercato del vino e degli alcolici, con oltre 60.000 stime di prezzo, basate su più di tre milioni di prezzi d'asta.

- Se desiderate vendere i vostri vini o liquori, date un'occhiata alle aste in corso, alle vendite e alle stime di prezzo di iDealwine su www.idealwine.com o su FineSpirits.Auction.

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No