Chiudere Menu
Notizie

La Russia sequestra il controllo della filiale di Carlsberg

Lo Stato russo ha annunciato di aver preso il controllo delle azioni del birrificio locale di proprietà di Carlsberg e delle attività di Danone.

Lo Stato ha dichiarato di aver preso il controllo di entrambi i birrifici Baltika, che producono Carlsberg, in risposta all'azione degli Stati esteri nei confronti delle aziende russe dopo l'invasione dell'Ucraina nel febbraio 2022.

Secondo il nuovo decreto presidenziale sostenuto da Putin, le partecipazioni di proprietà straniera in Danone Russia e Baltika Breweries sono state affidate alla gestione temporanea dell'agenzia governativa Rosimushchestvo.

In un comunicato, Carlsberg ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna "informazione ufficiale dalle autorità russe in merito al decreto presidenziale o alle conseguenze per Baltika Breweries".

La notizia fa seguito all'annuncio del mese scorso di Carlsberg di voler vendere le sue attività in Russia e di aver firmato un accordo per la vendita, soggetto all'approvazione delle autorità.

contenuti sponsorizzati db

Una grande storia

Quali sono le storie di successo reali che migliorano il processo di produzione delle bevande?

Pall Corporation ha raccolto una serie di storie di successo che illustrano come l'utilizzo delle sue soluzioni di filtrazione di profondità possa funzionare. db rivela tutto.
Per saperne di più...

Visualizza le soluzioni Pall qui

A seguito dell'invasione russa dell'Ucraina alla fine del febbraio 2022, Carlsberg, come molte aziende produttrici di bevande, si è impegnata a uscire dalla Russia. Nonostante l'obiettivo iniziale di uscire dal Paese entro la fine dello scorso anno, il processo di separazione delle operazioni in Russia dal resto delle attività si è rivelato una sfida.

Al momento dell'annuncio della vendita, un comunicato stampa dell'azienda ha sottolineato che dovevano essere presi in considerazione 150 flussi di lavoro e 150 milioni di corone danesi (17,3 milioni di sterline) di investimenti in attrezzature per la produzione di birra.

Il CEO del Gruppo Cees 't Hart ha dichiarato a giugno: "La firma di un accordo per la vendita delle attività russe è una pietra miliare molto importante nel complesso processo di separazione e vendita. È stato un processo lungo, ma è stato importante per noi raggiungere la migliore soluzione possibile per tutte le parti interessate, compresi i nostri oltre 8.000 dipendenti in Russia. Ora attendiamo di ricevere le necessarie approvazioni normative".

Il birrificio ha ora annunciato che, a seguito del decreto presidenziale, "le prospettive di questo processo di vendita sono ora altamente incerte".

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No