Chiudere Menu
Notizie

Uomo portato in tribunale per un incidente con il Cristal da 13.000 euro

Un ristorante in Germania ha portato in tribunale un uomo che si è rifiutato di pagare 13.000 euro per un bicchiere di Louis Roederer Cristal.

L'uomo, senza nome, di Neuss, vicino a Düsseldorf, nel maggio dello scorso anno si trovava in una serata al Mon Amie Maxi, una brasserie francese di Francoforte, quando ha chiesto al sommelier di portargli una "bottiglia speciale".

Secondo il personale, era "entusiasta" di ricevere una bottiglia da sei litri della cuvée prestige di Louis Roederer (l'annata non è stata rivelata).

Il cliente ha poi afferrato un coltello e ha eseguito un sabrage sulla bottiglia colossale prima di lavorare sul suo contenuto con i suoi compagni.

I festeggiamenti, di qualsiasi tipo, sono durati poco quando gli è stato presentato il conto e si è reso conto che quella che pensavamo fosse una bottiglia da sei litri di vino francese di qualità superiore da 1.300 euro costava in realtà 10 volte tanto.

Secondo l'agenzia di stampa tedesca Bildil ristorante ha citato in giudizio il cliente scontento per farsi pagare.

L'udienza, prevista per il 15 maggio presso il tribunale distrettuale di Düsseldorf, cercherà di accertare se all'uomo è stato detto il prezzo sbagliato o se ha semplicemente sentito male le parole del personale.

Sebbene i prezzi varino a seconda dell'annata e del rivenditore, una bottiglia di Cristal di quelle dimensioni, come questo esempio dell'annata 2004 in vendita da Selfridges, tende a superare i 10.000 euro quando viene venduta al di fuori del commercio, senza contare i ricarichi che i ristoranti aggiungono per coprire i costi di stoccaggio, di servizio e altri costi legati alla consegna del vino ai clienti.

Notizie correlate:

Uno chef vince una causa in tribunale dopo aver fatto pagare un cliente che non si è presentato

La recensione di Jay Rayner scatena un dibattito sulla carta dei vini

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No