Chiudere Menu
Notizie

Wetherspoons vede risultati solidi nonostante la "feroce" pressione sui costi

Il capo di Wetherspoons, Tim Martin, ha dichiarato di essere "cautamente ottimista" sui profitti futuri: l'azienda ha infatti registrato un aumento del 13% delle vendite a parità di perimetro per il semestre conclusosi il 29 gennaio 2023.

Wetherspoons vede risultati solidi nonostante l'inflazione "feroce".

J.D. Wetherspoon, che gestisce oltre 800 pub in tutto il Regno Unito, ha annunciato venerdì i risultati del semestre conclusosi il 29 gennaio 2023. Le prospettive per l'intero anno sono improntate a un cauto ottimismo, dato che il gruppo di pub continua a lottare contro "feroci" pressioni inflazionistiche, ha dichiarato Martin nella sua dichiarazione del presidente.

Le vendite simili sono aumentate del 13% rispetto ai dati dello stesso periodo del 2022. Le vendite sono aumentate del 5% rispetto ai livelli pre-pandemia.

Tuttavia, i profitti sono stati influenzati anche dal drastico aumento dei costi operativi, che nei risultati semestrali della società al 29 gennaio sono aumentati di quasi 73 milioni di sterline, passando da 805 a 878 milioni di sterline.

Il gruppo ha realizzato un utile operativo di 37,4 milioni di sterline contro un utile di 63,5 milioni di sterline prima della pandemia.

Charlie Huggins, gestore del "Quality Shares Portfolio" presso la società di investimenti Wealth Club, ha definito la performance di Wetherspoons "forte", in un contesto commerciale "eccezionalmente difficile".

Huggins ha osservato che l'impegno del gruppo a mantenere bassi i costi gli ha permesso di conservare una base di clienti fedeli, il che significa che "il gruppo si trova in una posizione migliore rispetto a molti dei suoi colleghi per far fronte a una flessione dei consumi".

Ha affermato che: "La redditività, tuttavia, rimane ben al di sotto dei livelli pre-pandemia. Il modello di business di Wetherspoon è fortemente esposto all'aumento dei costi del lavoro, dell'energia e del cibo. Purtroppo, non ha il potere di determinazione dei prezzi per compensare completamente queste pressioni sui costi. Nell'attuale contesto inflazionistico, ciò significa una cosa: pressione sui margini.

"Nel complesso, anche se ci sono motivi di ottimismo, il 2023 si preannuncia come un altro anno difficile per Wetherspoons. L'aumento dei tassi d'interesse e dell'inflazione sta strangolando l'economia e comporta costi significativamente più elevati per il gruppo. Se a questo si aggiungono i bassi margini di guadagno e la strategia dei prezzi bassi, il gruppo si trova ad affrontare una battaglia in salita nell'ambiente attuale".

Sembra che tu sia in Asia, vorresti essere reindirizzato all'edizione di Drinks Business Asia?

Sì, portami all'edizione per l'Asia No